(1)
 TitoloQuantitàPrezzo
Cieli in contraddizione €20  Elimina 
Totale: €20.00

Aguaplano-Officina del libro su Facebook Aguaplano-Officina del libro su Twitter Aguaplano-Officina del libro su Instagram Aguaplano-Officina del libro su Medium
   € 20,00
 Condividi 
Flavia Marcacci

Cieli in contraddizione

Giovanni Battista Riccioli e il terzo sistema del mondo


2018

Isbn: 9788885803114
Pagine: 260



Si può dire che nell’Età moderna Giovanni Battista Riccioli (1598-1671) abbia fatto parlare spesso di sé. Lo menzionano Johannes Hevelius e Christiaan Huygens, è nota la sua collaborazione con Francesco Maria Grimaldi, è fitta la sua corrispondenza, tra gli altri, con Giannantonio Rocca, Athanasius Kircher e Giovanni Domenico Cassini. Ancora nel Settecento, saranno i francesi Jérôme Lalande e Joseph-Nicolas De L’Isle a citarlo. Eppure, nel corso del XIX e del XX secolo, assistiamo al progressivo oblio di Riccioli: a dispetto delle serrate discussioni sui concetti di progresso e di metodo scientifico, di theory-ladenness e di conoscenza tacita, di paradigmi e di programmi di ricerca, la filosofia e la storia della scienza, nel moltiplicarsi delle questioni epistemologiche e nella ricognizione di innumerevoli case studies, hanno perso le tracce di questo geniale astronomo. Il gesuita Riccioli legge e corregge lo stimatissimo Kepler, colui che a sua volta aveva letto e corretto Tycho Brahe. È polemico con Copernico, molto critico di Tolomeo, convinto sostenitore dell’importanza dei dati empirici e delle prove fisiche in astronomia. È, infine, teologo di vaglia, talora in aperto contrasto con la sua Istituzione, fautore dell’universo finito, avversatore delle Intelligenze celesti, assertore della necessità di una causa prima. Questo libro restituisce alla storia della scienza un pensatore gigantesco e dimenticato. E ci consegna un utile passepartout per indagare l’altra Rivoluzione scientifica: non quella degli scienziati temerari ma quella degli scienziati perplessi, poco amati e molto competenti, armati di argomenti calzanti e meritevoli di nuova considerazione.
Flavia Marcacci insegna Storia del pensiero scientifico nella Facoltà di Filosofia della Pontificia Università Lateranense (Città del Vaticano). Si è occupata di scienza moderna (Magna longeque admirabilia, Modena-Città del Vaticano 2009; Galileo Galilei, una storia da osservare, Città del Vaticano 2015; con W.R. Shea, Intervista a Galileo, Roma 2015) e di scienza antica (Alle origini dell’assiomatica: gli Eleati, Aristotele, Euclide, Roma 2012). Insieme a Stefania Giombini ha curato per Aguaplano, nel 2010, Il V secolo. Studi in onore di Livio Rossetti e ha pubblicato, ancora per i nostri tipi, La legge, la colpa, l’errore. La tetralogia B (o del giavellotto) di Antifonte Sofista (2012).
©Copyright 2009-2018 - Tutti i diritti riservati